Perché la "ricerca della felicità" ci sta lasciando tutti depressi?

In un mondo che persegue costantemente la felicità, è sorprendente perché così tante persone siano depresse.
 
In un recente studio, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che a livello globale oltre 300 milioni di persone soffrono di disturbi depressivi mentre 264 milioni soffrono di ansia.
 
Il suicidio rimane una delle prime 20 cause di morte.
 

Da dove viene la contrapposizione tra depressione e felicità come obiettivo finale?

Secondo lo psicologo sociale Brock Bastian, i tassi di depressione sono più alti nei paesi che danno un premio alla felicità.
Enfatizzare eccessivamente la felicità è una ricetta per il disastro. Naturalmente, gli esseri umani sperimentano una serie di emozioni.
Quando la felicità è posta come obiettivo primario di vita, proviamo un senso di fallimento quando non viene raggiunta .
Ma "sentirsi a volte tristi, delusi, invidiosi e soli" è umano e questa vasta gamma di esperienze dovrebbe essere abbracciata, non giustificata.
 
Etichettare la "felicità" o incoraggiare la "ricerca della felicità" come l'obiettivo finale della vita ignora la felicità per ciò che è veramente, un'emozione fugace.
 
La sopravvalutazione della felicità aliena altre emozioni e induce le persone a temere e ignorare sentimenti di tristezza, rabbia, solitudine. Ignorare questi sentimenti è un modo infallibile per causare ansia e depressione .
Se la felicità è abbracciata per l'emozione che è, alla pari di tutte le altre emozioni nella gamma dell'esperienza umana, allora non ti sentirai negativo riguardo all'essere umano.
 

Una grande parte dell'essere un umano è l'ottimizzazione

Ottimizzare il tempo, i piani, il lavoro, i sentimenti.
 
Stiamo tutti cercando di "vivere la nostra vita al meglio", il che potrebbe fornire indizi sul motivo per cui la felicità è adorata come lo standard d'oro della vita umana.
 

Ma un'emozione fugace non dice molto sulla qualità della propria vita.

Le emozioni sono fugaci e non definiscono una persona. Si sentono semplicemente e poi passano, lasciando il posto ad altre emozioni o pensieri.
Quando si comprende la fluidità delle emozioni, è più facile raggiungere una vita emotiva sana ed equilibrata. Questa comprensione include la conoscenza di non agire né prendere decisioni mentre si provano forti emozioni.
 
Quando proviamo rabbia estrema, tristezza o persino felicità, spesso possiamo sentire l'impulso di prendere decisioni.
 
Ma qualcuno con una forte comprensione delle emozioni aspetterà che questi sentimenti passino, analizzerà il motivo per cui sono stati sentiti e poi prenderà una decisione (se ritenuto necessario).
 

Questa capacità di sentire le emozioni e comprenderle sono fattori importanti di saggezza e ragione.

Se sei consapevole di ciò di cui hai bisogno per essere una persona migliore, se metti il ​​massimo in tutto il tuo lavoro, se aiuti gli altri quando puoi, se ti nutri e ti nutri bene, se controlli le tue emozioni e non intraprendi azioni sotto una mente annebbiata, se ti fermi sempre a pensare prima di fare, allora sei vivo.
 
Per offrire un esempio: invece di cercare la prossima scarica di dopamina, cerca di ridurre al minimo le distrazioni, fai una cosa alla volta e dedica del tempo alla creatività .
 

Una vita equilibrata

Che tu sia uno dei tanti milioni di persone che hanno sperimentato depressione o ansia nella tua vita o meno, è piacevole sentire che la "felicità" non è la fine di tutte le capacità umane.
 
Prendendo amichevoli consigli dalle filosofie orientali e greche, vivere una vita equilibrata non è così difficile.
Concediamoci di sentirci tristi (e mangiamoci una coppa di gelato quando serve) e accettiamo che la rabbia fa parte dell'essere umani tanto quanto lo è la felicità.
 
Ti consiglio questo e-book gratis
 
Blogger di tanto in tanto

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

 

FB  youtubeinstagram

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci